Archivio categorie eventi

Ottocento, l’arte in rivoluzione tra tormenti e inquietudini

Ottocento, l’arte in rivoluzione tra tormenti e inquietudini” a cura di Massimiliano Sabbion

Dal Romanticismo al Realismo, dall’Impressionismo agli albori delle correnti artistiche che hanno rivoluzionato il mondo contemporaneo. Un viaggio tra le arti e gli artisti di un secolo, l’Ottocento, tra tormenti e rivoluzioni storiche, culturali e scientifiche. Maxi Sabbion ci guida i un percorso che continua con la città di Padova alla scoperta di segni artistici quali il Caffè Pedrocchi, la scuola d’arte Pietro Selvatico e personalità artistiche quali Francesco Hayez, Giuseppe Jappelli, Antonio Canova.

Sala Rossini – Caffè Pedrocchi, 15, Via VIII Febbraio, 35122, Padova
venerdì 7 dicembre ore 11:00
INGRESSO GRATUITO

www.800padovafestival.it

“Oltre il mio sguardo” personale di Silvia Scuderi

Memore delle lezioni dei maestri del passato e della ricerca compiuta negli anni, Silvia Scuderi si presenta all’occhio dello spettatore come una “viaggiatrice visiva” che ha portato con sé l’esperienza di un presente fatto di memoria, di visioni oniriche, di immagini che rimandano alla natura attraverso vedute paesaggistiche e particolari naturali in una immersione totalizzante che fonde cielo e terra, il visibile e l’astratto.
Corsi d’acqua che si specchiano tra le fronde di una flora ribelle e prospera, rocce che sedimentano secoli e stratificazioni del tempo, paludi e canneti, spazi immensi contrapposti a sguardi che occupano tutta la tela mostrando, a volte, un particolare riconducibile ad una natura di più ampio respiro.

continua a leggere

“Diaphàinein” personale di Damiano Fasso

Damiano Fasso nei suoi lavori usa materiali contemporanei simbolo e segno dei tempi in evoluzione: plastiche, smalti fluorescenti, supporti trasparenti che si fondono tra colori e forme nuove insieme a polvere da sparo e veleni.
Quello che si crea è un gioco sinuoso di ambiguità e dicotomie di una società contemporanea contaminata e in collegamento.

continua a leggere

IL CORPO. Nona rassegna Internazionale di Illustrazione – Museo Diocesano, Padova

Illustratori da tutto il mondo sono coinvolti ormai da 15 anni attraverso il linguaggio visivo dato dalle immagini per raccontare al pubblico un viaggio fatto di esperienze, culture, storie.
La nona rassegna internazionale di illustrazione partita il 03 febbraio 2018 parla per mezzo delle immagini del corpo.
Il corpo visto come rapporto personale in percezione con i suoi cambiamenti nella crescita e nella vita, un viaggio tra le trasformazioni del tempo e nello spazio, un insieme di relazioni con gli altri e con il mondo circostante e, soprattutto, nella sua dimensione spirituale e di rapporto con il sacro.

continua a leggere

ARTE E LINGUAGGI URBANI. La Street Art e l’influenza sul territorio contemporaneo

Attraverso la lezione ARTE E LINGUAGGI URBANI. La Street Art e l’influenza sul territorio contemporaneo, si parlerà di arte contemporanea partendo dagli ultimi trent’anni di storia.
Com’è cambiato il concetto di “opera d’arte”? Quali sono i nuovi artisti e gli spazi dove operano? Quali le nuove tecnologie e le nuove tecniche al servizio della creatività?
La città come spazio sulla quale praticare, gli street artist come nuove figure che arricchiscono con la propria identità i muri con segni, forme, colori gettando le basi di un “sentire” attuale il mondo contemporaneo sempre più senza frontiere, abbattuto dai social network e dalla voglia di comunicazione globale.
Dai graffiti alla street, dal video alle performance, dai social alla diffusione di nuovi linguaggi che si fondono tra arte, musica, video gli anni 2000 si sono aperti all’insegna di un sistema senza confini.
La lezione indagherà gli artisti di oggi che sono pronti a diventare gli storicizzati del domani: da Keith Haring, Toxic, Jean-Michel Basquiat passando per Banksy, Blu, Os Gemeos fino agli eredi del mondo Pop con Takashi Murakami, Terry Richardson e Marina Abramovic.
Un viaggio tra gli stili e l’arte che traghetta l’uomo verso nuove limiti e conquiste, verso nuovi linguaggi contemporanei.

11 maggio 2018
ore 19.00
Spazio Back UP (ex-Macello di Dolo, Venezia)

VILLE, NATURA E ARTE. L’architettura Veneta e la natura rappresentata nell’arte.

VILLE, NATURA E ARTE. L’architettura Veneta e la natura rappresentata nell’arte. Ripercorre Cinquecento anni di Storia dell’Arte in una discussione d’arte che prende in esame le ville della Riviera del Brenta, e non solo, ad opera di Andrea Palladio. Lo sviluppo della lezione avverrà seguendo il percorso della rappresentazione della natura, del paesaggio e della scoperta di flora e fauna da parte degli artisti nel corso dei secoli partendo da Giotto per passare poi ad Andrea Mantegna, al colorismo veneziano di Tiziano, Bellini, Tintoretto, Paolo Veronese, Antonello da Messina, Giorgione.
Fino a pervenire al genere del paesaggio e della veduta da Luca Carlevaris, Francesco Guardi, Canaletto, Marco Ricci, con un confronto del Naturalismo e realismo d’oltralpe si arriverà a toccare le punte della scuola veneta di Guglielmo Ciardi, Bartolomeo Bezzi, Luigi Nono, Ettore Tito.
Il Novecento Veneto protagonista poi con le figure di Giovanni Barbisan e la campagna Veneta e le sperimentazioni di Gianni Olivotto chiuderanno il percorso dei secoli che hanno guardato alla natura come esempio da cui trarre forme e colori.

20 aprile 2018
ore 19.00
Spazio Back UP (ex-Macello di Dolo, Venezia)

ARTE & FUMETTI. Discussioni sull’arte contemporanea

Il fumetto, è un surrogato dell’arte, forse per via del linguaggio immediato e subito fruibile. In realtà è invece un’arte stessa, similmente ad un quadro, una poesia, un romanzo o una qualsiasi composizione artistica che serve ad esprimere una condizione, interna o esterna, dell’artista.
Gli artisti fin dagli albori si sono fatti portavoce di questo linguaggio nuovo interpretandolo sotto forma d’arte, come nei casi di Andy Warhol, Roy Lichtenstein e la Pop Art, fino ad arrivare a opere di artisti quali Takashi Murakami e Banksy.
L’altro lato della medaglia è lasciato ai disegnatori di fumetti che hanno attraversato il nostro secolo e si susseguono con le opere lette da intere generazioni come Hugo Pratt, Guido Crepax, Milo Manara, Andrea Pazienza, fino ad arrivare ai contemporanei Zerocalcare e GiPi con lo sviluppo delle Graphic Novel.
Nella discussione Arte & Fumetti. Dai fumetti ai manga: influenze dell’arte e nell’arte si partirà da un percorso storico e critico dagli albori del fumetto con il primo personaggio della storia riconosciuto nel monello Yellow Kid, per arrivare alla contaminazione del mondo giapponese con maestri quali Katsuhiro Ōtomo, Osamu Tezuka e Go Nagai.

13 aprile 2018
ore 19.00
Spazio Back UP (ex-Macello di Dolo, Venezia)

ARTE & CINEMA. Discussioni sull’arte contemporanea

La discussione “Arte & Cinema” prenderà in esame il rapporto esistente tra l’arte contemporanea e le pellicole cinematografiche prodotte nell’ultimo secolo, in un continuo sviluppo tra contaminazioni e rimandi, di prestiti al mondo dell’arte e restituzioni al cinema.
Le opere d’arte per alcuni registi sono diventate un importante laboratorio di ricerca che ha contribuito ad arricchire di ‘materiale plastico’ l’immagine cinematografica citando o rifacendosi ad opere di:
Giovanni Fattori, Pellizza da Volpedo, Arnold Böcklin, Ottone Rosai, Renato Guttuso, Fernand Léger, Man Ray, Giorgio De Chirico, Renato Guttuso, Yves Klein, Mario Schifano e ai quali si ispirarono Luchino Visconti, Mauro Bolognini, Pier Paolo Pasolini, Mario Soldati, Stanley Kubrick, Federico Fellini, Roberto Rossellini.
Cabiria, Frida, Metropolis, Brama di vivere, Basquiat, Se mi lasci ti cancello, Arancia Meccanica, Sogni, La ragazza con l’orecchino di perla, Barry Lyndon, sono solo alcuni dei titoli che si susseguono nella discussione proposta tra immagine ed eternità fissata sulla pellicola.

9 marzo 2018
ore 18.00
Spazio Back UP (ex-Macello di Dolo, Venezia)

Giuliana Cobalchini. Alis volat propris – Vola con le tue ali

Nelle sue opere Giuliana Cobalchini concepisce l’idea primaria di questo continuo confronto tra il colore bianco e il colore nero, tra la luce e l’ombra, tra la leggerezza e la pesantezza degli elementi, è un’artista che sa coniugare condizioni che le conferiscono particolare sensibilità creativa in cui il gioco delle parti si fa estremizzante ed emozionale.
È la sua arte, un’arte concreta? È astrattismo? È il conferimento di un’idea? È un’alchemica “opera in nero”? Cos’è l’arte di Giuliana Cobalchini? È in primis emozione, è ricerca della forza genitrice che si manifesta nelle sue figure, così leggere e pronte a librarsi tra folate di pensieri e di ricordi.

continua a leggere