Archivio categorie open.Art

L’arte altrui. Storie e compenetrazioni culturali tra curiosità e paura

l'arte altrui

Pubblicato il 19 maggio 2017 in http://vecchiatoart.blogspot.it

Ogni persona, ogni essere umano pensante ha gusti e sapori differenti, è il bello della varietà delle cose e dei piaceri che conduce l’uomo verso nuove e spettacolari strade dove la capacità di scelta, il libero arbitro e l’apprezzamento cambia a seconda delle realtà dettate da mondi sociali, etnici, religiosi, politici differenti alle quali far riferimento.
La cultura sociale è la base primaria per discernere ciò che piace da ciò che non si ama, il valore soggettivo e oggettivo delle cose cambia quindi in base a diversi fattori, ma nessuna cultura si può definire migliore o peggiore di altre, solo differente.

continua a leggere

La compensazione di un impegno: io sono, questo ciò che conta (?)

la-compensazione-di-un-impegno

Pubblicato il 16 maggio 2017 in http://vecchiatoart.blogspot.it

Si ha la pretesa di essere rispettati, valutati e giustamente retribuiti per l’operato svolto, considerati nell’ambito creativo e lavorativo, tutte questioni assolutamente condivisibili e corrette, ma che succede quando invece per primi non si rispetta la fatica altrui?
Capita più spesso di quanto non si creda! Ogni giorno, ogni momento, si cerca il sotterfugio e l’escamotage più comodo per “farla franca” o per deprezzare il lavoro altrui che, a quanto pare, non vale certo come il nostro.
La guerra per la sopravvivenza si combatte ogni giorno in un mondo che appare sempre più difficile e competitivo, per questo bisogna farsi trovare preparati e non aver paura delle proprie debolezze così come delle proprie forze e punti saldi.

continua a leggere

Bombardamenti visivi: social e immediatezza nel mondo contemporaneo

bombardamenti-visivi

Pubblicato il 12 maggio 2017 in http://vecchiatoart.blogspot.it

Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell’avere nuovi occhi
(Marcel Proust)

Sempre più circondati da immagini, stimoli e visioni l’uomo contemporaneo è sollecitato ogni giorno dai sistemi più disparati che diffondo culture, pensieri e idee attraverso forme e colori.
Internet in primis, i social network, le videocamere negli smartphone, l’immediatezza con cui si fissano e diffondono le immagini stesse, sono veicolo di una grande memoria globale a cui tutti hanno accesso e catalogare la miriade di stimoli quotidiani risulta praticamente impossibile.
Tanti input portano spesso alla confusione e al caos perché sobbarcati di troppe indicazioni e un po’ si perde la spontaneità del momento così come si arriva a tralasciare la creatività e la fantasia con un bollato “già visto, già fatto”.

continua a leggere

Le persone “strane” che vogliono un futuro

art-is-all-over

Pubblicato il 09 maggio 2017 in http://vecchiatoart.blogspot.it

E fu così che da un giorno all’altro
bocca di rosa si tirò addosso
l’ira funesta delle cagnette
a cui aveva sottratto l’osso.
Ma le comari di un paesino
non brillano certo d’iniziativa
le contromisure fino al quel punto
si limitavano all’invettiva.”
(Bocca di Rosa – Fabrizio de Andrè)

Il futuro affascina e spaventa, il domani crea aspettative, oggi non va, ma domani sarà diverso.
Dopotutto, domani è un altro giorno.
Nel futuro tutti saremo famosi per 15 minuti.
Di doman non v’è certezza.
Frasi sentite e ripetute nella storia dell’arte, nella letteratura, nel cinema, senza scomodare la fantascienza su che cosa ci si aspetta poi dal domani, il futuro che si crea passo a passo ogni giorno fa indubbiamente paura. Perché?

continua a leggere

Vox populi, vox Dei. Culturalmente preparati alla libertà di pensare e diffondere.

folla

Pubblicato il 05 maggio 2017 in http://vecchiatoart.blogspot.it

Quali sono le sensazioni e le motivazioni che spingono una persona a scegliere di spendere il proprio tempo libero all’interno di uno spazio espositivo per vedere opere d’arte e artisti?
Prima di tutto il piacere della cultura, della conoscenza che non è mai paga, della curiosità che tutto smuove e soprattutto la voglia di confronto con l’arte che chiede di essere vista e diffusa.
Il piacere del bello, il gusto di ciò che reca felicità è un sistema che non si può ingabbiare, la libertà delle emozioni è pari alla libertà del pensiero, si aprono così sempre nuovi orizzonti.
La cultura è sempre più vista come bene superfluo a cui rinunciare ed eventualmente ridimensionare con tagli e proposte limitate, togliere la cultura ad un popolo è privarlo della libertà di espressione e della capacità di riuscire a riflettere senza condizionamenti esterni.
Siamo sicuri che solo quello che viene proposto per mezzo della tv, dei social network e delle varie forme mediatiche sia da annoverare sotto la voce “cultura”?

continua a leggere

La procura di un piacere. Arte e felicità

maxiart-rene-magritte

Pubblicato il 02 maggio 2017 in http://vecchiatoart.blogspot.it

Tutti gli esseri umani vogliono essere felici;
peraltro, per poter raggiungere una tale condizione,
bisogna cominciare col capire che cosa si intende per felicità
(Jean-Jacques Rousseau)

Cos’è la felicità? Un morso ad una mela per spezzare la fame? Bere da un rubinetto di una fontana dell’acqua fresca? Guardare le nuvole dopo il temporale? Sentire le risate di un bambino? Leggere e concludere il finale di un libro? O come diceva Charlie BrownLa felicità è accarezzare un cucciolo caldo caldo, è stare a letto mentre fuori piove, è passeggiare sull’erba a piedi nudi, è il singhiozzo dopo che è passato”?
Qualunque sia il metro di giudizio per decretare la felicità l’importante resta “la procura di un piacere”, ciò che crea emozione è la responsabile primaria della nostra felicità.

continua a leggere

La fine non sta nella pioggia

la-fine-non-sta-nella-pioggia

Pubblicato il 26 aprile 2017 in http://vecchiatoart.blogspot.it

Alcuni dicono che la pioggia è senza scopo e altri dicono che è piena di ricordi e desideri”
(Tagor Manroo)

Si spera sempre di visitare una città con il sole, con una splendida giornata che permetta di vedere le vie, i monumenti e il paesaggio circostante per poterne godere appieno e continuare poi questo viaggio anche una volta rientrati per mezzo dei ricordi, delle foto e dei souvenir acquistati.
L’evento che fa da corollario alla visita della città poi diventa qualcosa che si aggiunge in più a ciò che si vede: una mostra d’arte, un’apertura straordinaria di un luogo, un festival, una rassegna artistica o cinematografica, tutto concerne alla bella giornata di svago che ci si é concessi.

continua a leggere

Rispettatevi e onoratevi! Storie di chi ha ceduto all’arte

Dante Alighieri

Pubblicato il 18aprile 2017 in http://vecchiatoart.blogspot.it

Vien dietro a me, e lascia dir le genti:
sta come torre ferma, che non crolla
già mai la cima per soffiar di venti
(Dante Alighieri)

L’arte va onorata e rispettata, in ogni sua forma.
Spesso questa forma di deferenza viene però a mancare, non tanto per l’onore che ad essa si deve tributare, poco importa se ad un vernissage ci si presenta in smoking o abito lungo o in sneakers e jeans, tanto invece per il rispetto a cui si deve.
Ha più importanza l’inaugurazione con caviale e champagne o quella con cracker e formaggio? È degna di nota la mostra che fa più numeri o qualità? Interessa più il “fate parlare gente” o i “pochi ma buoni”?

continua a leggere

Sta scrivendo… Quando si attende la risposta del (com)mittente

sta-scrivendo

Pubblicato l’11 aprile 2017 in http://vecchiatoart.blogspot.it

Capita anche a voi di mandare un messaggio su whatsapp e di attendere la risposta della persona che, online, lo legge (quindi doppia spunta blu) e poi si resta in attesa che il nostro interlocutore dia seguito alla conversazione?
Ad esempio, scrivo un sms per chiedere il parere ad un determinato pensiero se condiviso o meno: “Ciao, dopo aver letto quello che ho scritto, che ne pensi?
L’attesa che segue, le parole che si aspettano e quelle che si devono dire, lo scritto che si aspetta e sullo schermo compare l’operazione di scrittura del ricevente “Sta scrivendo…”

continua a leggere

Se tu hai una mela… La condivisione della creatività e delle idee per diffondere l’arte

se-tu-hai-una-mela

Pubblicato il 04 aprile 2017 in http://vecchiatoart.blogspot.it

Se tu hai una mela, e io ho una mela, e ce le scambiamo, allora tu ed io abbiamo sempre una mela per uno.
Ma se tu hai un’idea, ed io ho un’idea, e ce le scambiamo, allora abbiamo entrambi due idee
(George Bernard Shaw)

La creatività ha bisogno sempre di nuovi stimoli e di nuove fonti alle quali ispirarsi e rivolgersi, nuovi percorsi e situazioni arrivano sempre a decretare l’inizio di un viaggio mentale ed emozionale che si tramuta poi nell’opera d’arte.
Come si sviluppa la creatività? Come si investe nella fantasia? Non c’è un metodo per poter accrescere le idee, non tutto arriva semplicemente accomodandosi e aspettando, non ci sono sprazzi geniali e improvvisi che folgorano la via e poi squarciano le menti.

continua a leggere