Archivio tag Paul Klee

La paura di chi ha paura. Creazione ed arte tra panico e dubbi

Cristiano De Matteis

Pubblicato il 24 gennaio 2017 in http://vecchiatoart.blogspot.it

Il più grande sbaglio nella vita è quello di avere sempre paura di sbagliare
(Elbert Hubbard)

Io ho paura.
Si, ho paura. Sono terrorizzato davanti al foglio bianco quando devo scrivere, penso di non riuscire mai ad arrivare alla fine del compito che mi sono autoassegnato e di fallire, di andare fuori tema, di non riuscire davvero ad esprimere quello che penso e che sento.
Ho paura, paura dei giudizi, dei commenti, delle parole che non trovano la giusta pace e di non essere capito, spaventato dal mondo esterno a cui affido le parole, incapace di poter difendere quello che ho concepito e poi alla fine elaborato.

continua a leggere

A chi vuoi più bene? Alla mamma o al papà? Indagine sul mondo astratto e figurativo.

scegliere

Pubblicato il 14 ottobre 2016 in http://vecchiatoart.blogspot.it

Vuoi più bene alla mamma o al papà?”, è la classica domanda che ci si sente rivolgere quando si è bambini, specie quando la zia di turno ci interroga sventolando davanti un sacchetto di caramelle e che, consapevolmente e indipendentemente dalla risposta che si darà, diventerà nostra proprietà.
Il rischio? Rispondere in maniera errata con il pericolo di provocare danni emotivi nei rispetti genitori, solo allora si intuisce cosa sia la diplomazia e si esce con un bel “A tutti e due!”, per evitare di provocare un dolore materno (o paterno) che metta in discussione il buon operato del sistema genitoriale.
Sono scelte che non si possono condurre e fare, si predilige sempre quello che più ci aggrada e si avvicina alle corde emotive del momento, vogliamo più bene una volta alla mamma, una volta al papà, spesso a tutti e due!

continua a leggere

Anna Marchesini (1953-2016). Una “moscerina” curiosa e ironica obesa di vita

Anna Marchesini

 “Per vedere i tesori, ci vogliono occhi che li sappiano guardare,
che li vogliano cercare e che si aspettino di trovarli
(Anna Marchesini)

a Chiara, perché sia sempre “obesa” di vita!

Cara Anna,
si si… lo so! Sei sorpresa.
Stupita di questa lettera vero? Beh un poco lo sono anch’io, non avrei mai pensato di doverla scrivere, almeno non così presto.
Presto perché il tempo sembra volato via mese dopo mese e spesso mi dimentico di dichiarare quanti anni ho visto che il tempo fa i conti più velocemente rispetto alla realtà anagrafica che ci si sente.
Mica mi sento vecchio! A quindici anni guardavo i quarantenni e pensavo fossero avanti secoli a me, ma il passo è stato breve e ora sono io ad averne più di quaranta.

continua a leggere

Fantasilandia: quando la cultura fa paura. Che sarà del domani?

aforisma Marc'Aurelio

Pubblicato il 19 luglio 2016 in http://vecchiatoart.blogspot.it

“Troverai sollievo alle vane fantasie se compirai ogni atto della tua vita come se fosse l’ultimo”
(Marc’Aurelio)

Si può frenare la fantasia umana? Si può mettere un limite ai pensieri creativi? Si possono legare le emozioni visive che scaturiscono dalla mente di un artista?
No, non si può, anzi, non si deve frenare e limitare il pensiero e la creatività di un artista che sente il bisogno di continui stimoli e confronti per poter continuare a creare ed esprimere, così come lo spettatore ha lo stesso bisogno di godere appieno del prodotto artistico per regalarsi un momento di piacere visivo ed emozionale.
Non si accumula bellezza solo per il piacere di farlo ma soprattutto perché dà felicità e benessere interiore, una scarica di serotonina che fa ben al cuore e ai sensi.

continua a leggere

Rubare l’arte. A te chi piace?

Tony Gallo

Pubblicato il 06 maggio 2016 in http://vecchiatoart.blogspot.it

Se un giorno, su volere di un genio della lampada, per un regalo inaspettato o per un colpo di magia vi si chiedesse di “rubare” un’opera d’arte o un monumento dall’intero pianeta che cosa portereste via?
Non importa che sia una scultura, una pittura, un’architettura, pensate solo questo: avete a disposizione questa magica possibilità e ora, con un solo gesto, quello che volete e vi piace può sparire agli occhi del mondo e diventare vostra, per sempre.

continua a leggere

Canto di Natale: è questa la vita che sognavi?

Canto di Natale, la vita che sognavi

Pubblicato il 22 dicembre 2015 in http://vecchiatoart.blogspot.it

I’m wide awake (Sono sveglia)
And now it’s clear to me (Ed ora è chiaro)
That everything you see (Che tutto ciò che vedi)
Ain’t always what it seems (Non sempre è ciò che sembra)
I’m wide awake (Sono sveglia)
Yeah, I was dreaming for so long (Sì, ho sognato per così tanto tempo)
(Katy Perry, ” Wide Awake“)

Manca una manciata di ore al 25 dicembre, giorno di Natale preceduto da frenesia collettiva e da contorno fatto di luci, colori, carillon che risuonano nell’aria, finto buonismo condito da nevrosi e voglia di trovare il regalo originale e a basso costo. Si, il regalo, perché il Natale più che Messa di Mezzanotte, pranzo con la famiglia, auguri via sms dati e ricevuti da numeri che non ci sono più in rubrica, è essenzialmente questo: il regalo, che sia piccolo o grande, brutto e inutile è come si sente dire “è il pensiero che conta“.

continua a leggere

“Strani incontri”. Contaminazioni e amicizia: Tony Gallo e Kenny Random a Padova

Strani incontri

Pubblicato il 26 novembre 2015 in http://vecchiatoart.blogspot.it/

“L’arte non riproduce ciò che è visibile, ma rende visibile ciò che non sempre lo è”
(Paul Klee)

A Tony Gallo, persona sincera e artista puro, perché i suoi occhi continuino a guardare questo mondo,
A Kenny Random, per la sua presenza silenziosa e per la forza con cui la esprime.

Cellulare che vibra, sms, foto allegata: “Ti piace?“, smile allegato, firmato Tony Gallo.
Un momento per aprire la foto, sorridere e meravigliarsi e scrivere subito la risposta: “Stupendooo!!! Bello, bello, bellooooo!“, serve aggiungere altro? Forse si… un testo e una marea di parole che si devono dire.

continua a leggere

1 maggio: Festa del Lavoro. Percorso negli studi d’artista

maxiart-1855 Lo Studio del Pittore (2)

Pubblicato il 1 maggio 2015 in http://vecchiatoart.blogspot.it

In questa giornata, 1 maggio, Festa del Lavoro, una riflessione sul mondo del lavoro in ambito artistico mi pare doveroso farla.
Che cos’è il lavoro d’artista? Una domanda alla quale molteplici risposte possono giungere da altrettanti posti e numerosi “post” si possono associare poi alle risposte.

continua a leggere

Fulvio di Piazza – Ma che mondo fantastico…

FULVIO DI PIAZZA.Pesce a vapore, 2010

Pubblicato il 17 marzo 2011 in Exibart onpaper – Maggio 2011, pg. 23

Tra pezzi di arti, animali impagliati e scheletri, si snoda il percorso dei Musei di Zoologia ed Anatomia Comparata dell’Università di Bologna, in questo spazio si apre la mostra “Fisiologia del paesaggio. Juan Carlos Ceci – Fulvio Di Piazza” a cura di Daniele Capra. Un viaggio in cui predominano il paesaggio e la natura con un iperrealismo vicino al dettaglio fiammingo nelle forme di Di Piazza (1969) e stratificata-geologica in Ceci (1967). In entrambi i casi si può parlare di un espressionismo figurativo-realistico dove l’uso della pittura si fonde con la materia.

Versione PDF 

continua a leggere